Oceano Indiano - OCCASIONI VIAGGI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Oceano Indiano

COSE DA SAPERE > QUANDO PARTIRE > SCEGLIERE DESTINAZIONE > Per Continente > Africa

ATTENZIONE:

SU GRAN PARTE DELL'OCEANO INDIANO SOFFIA D'ESTATE IL MONSONE DA SUD-OVEST
(PER CUI E' MEGLIO ANDARE  SULLE COSTE ESPOSTE A NORD/NORD-EST)
MENTRE IN INVERNO QUELLO DA NORD-EST
(PER CUI E' MEGLIO ANDARE SULLE COSTE ESPOSTE A SUD/SUD-OVEST)


Madagascar


Il periodo migliore per visitare la costa del Madagascar va da aprile a ottobre (l'inverno dell'emisfero sud), mentre da novembre a marzo (l'estate australe) fa molto caldo e verso la fine si scatenano gli uragani. Date le grandi variazioni climatiche interne all'isola, gli altopiani centrali possono invece essere molto piacevoli durante l'estate. In Agosto ad Antsirabe (ed anche a Tana) può fare veramente freddo, soprattutto quando cala il sole, e anche la costa sud risulterà non caldissima e un poco ventosa, mentre nella costa nord e a Nosy Be il clima è ideale. La costa est è sempre molto piovosa e può risultare impraticabile intorno a febbraio quando comunque piove su tutta l'isola. Nei mesi tra giugno e settembre a Sainte Marie si assiste al passaggio delle balene nel canale che separa le due isole.


Mauritius


Le condizioni atmosferiche della costa occidentale differiscono da quelle della costa orientale, dove il clima è molto più secco tra gennaio e febbraio, quando i venti soffiano prevalentemente da est, spazzando le montagne e provocando piogge sulle regioni centrali e occidentali. Non esiste una stagione monsonica, sebbene i cicloni si abbattano sull'isola ogni 15 anni, più o meno, tra novembre e maggio. In questo periodo sono molto frequenti violenti acquazzoni che costringono gli abitanti a rimanere chiusi in casa. In tutti i mesi dell'anno si registrano lievi precipitazioni. Il tasso di umidità è, in genere, molto più alto tra ottobre e giugno.Ad eccezione del periodo che va da Natale a Capodanno, a Mauritius non esiste una reale differenziazione tra alta e bassa stagione. Il profondo "inverno" dell'isola va da luglio a settembre, quando durante il giorno il clima si trasforma da appiccicoso a mite. Questo è il periodo migliore per visitare la costa sud e ovest di Mauritius, anche perché il vento sulla costa nord e nord-est può risultare fastidioso. Dal punto di vista climatico, il periodo meno piacevole va da gennaio ad aprile, con giornate lunghe, troppo calde e umide per alcuni e con la minaccia di uragani nell'aria. In caso di piogge torrenziali, preparatevi a trascorrere alcuni giorni rinchiusi in casa. Il periodo migliore per la costa nord e nord-est è forse tra Ottobre e Novembre. Le migliori immersioni si effettuano tra dicembre e marzo, quando l'acqua è più cristallina; da giugno ad agosto le acque si prestano magnificamente al surf, mentre per le battute di pesca i mesi migliori sono quelli compresi tra ottobre e aprile, quando i grandi pesci si avvicinano alla riva in cerca di prede.


Seychelles


Il clima è equatoriale, reso propizio dagli influssi oceanici e dall'assenza dei cicloni. Le precipitazioni sono abbondanti (circa 2000 mm annui), soprattutto quando domina il monsone di nord - ovest, che portano pioggia, soprattutto a gennaio. Piu' secca e fresca la stagione delgli alisei, che soffiano da sud est, di solito da maggio a ottobre. Le isole più piovose sono Mahé e Silhouette. Gennaio è il mese più umido, luglio e agosto sono i più secchi; durante tutto l'anno la temperatura oscilla tra i 24°C e i 31°C; l'umidità si aggira intorno all'80 per cento. La scelta del periodo per un viaggio alle Seychelles dipende anche da quello che intendete fare: per vela e windsurf l'ideale è l'inizio o la fine della stagione degli alisei, cioè a maggio e a ottobre. Alcune spiagge danno il meglio nella stagione dei monsoni, altre in quella degli alisei, generalmente parlando meglio scegliere le spiagge della costa sud e est nel nostro inverno e quelle dalle coste nord e ovest nella nostra estate, soprattutto per questioni di maree. Data la relativa estensione delle singole isole che compongono l'arcipelago si possono comunque raggiungere le spiagge più adatte da qualsiasi punto si alloggi. Per le immersioni i mesi più indicati sono da marzo a maggio e da settembre a novembre. Gli alberghi sono pieni e più cari a dicembre, gennaio, luglio e agosto.


Maldive


Per sfruttare al massimo la luce del sole conviene andare alle Maldive nella stagione secca, tra dicembre e aprile, che però è anche l'alta stagione, con alberghi spesso pieni e prezzi più alti. I giorni più cari e più affollati sono quelli delle vacanze di Natale. Tra maggio e novembre chiaramente non fa freddo, ma è spesso nuvoloso e umido e ogni tanto piove; questa è la bassa stagione, con alberghi più vuoti e prezzi più bassi. I due mesi intermedi, cioè novembre e aprile, sono caratterizzati da maggior trasparenza dell'acqua e migliore visibilità. Il dilemma su quando andare alle Maldive è sciolto dalla descrizione di queste due stagioni. Nella stagione del monsone di nordest (da dicembre ad aprile), il clima è dei migliori e le piogge sono scarse.Nel secondo caso che caratterizza il periodo che va da maggio a novembre, il clima è incostante e può andare da giorni secchi e soleggiati a improvvisi acquazzoni e periodi di cieli nuvolosi. Da evitare, forse, il breve cambio stagione: maggio, fine novembre e inizi dicembre. Durante questi periodi sarà probabile trovare un clima poco accogliente con notevoli precipitazioni e una situazione meteo incostante.
Alla domanda quando andare alle Maldive, dunque, potrete trovare due soluzioni: affidarvi all'alta stagione, accodandovi al flusso turistico o rischiare le lievi intemperanze del monsone di sudovest

Sri Lanka


Dal punto di vista climatico, le stagioni più secche e quindi le migliori vanno da dicembre a marzo sulla costa occidentale, su quella meridionale e nella regione collinare, da maggio a settembre sulla costa orientale dove comunque non si può più andare da parecchi anni. Tra dicembre e marzo c'è anche la maggior concentrazione di turisti stranieri in fuga dai rigori dell'inverno europeo. Viaggiare fuori stagione ha i suoi vantaggi: non solo si trova un minore affollamento, ma le tariffe aeree e i prezzi degli alberghi si abbassano di molto. Non è vero, inoltre, che non smette mai di piovere. Le scogliere possono proteggere le spiagge e rendere più piacevole fare il bagno in località come Hikkaduwa anche durante il monsone.


Zanzibar


Anche a  Zanzibar convivono  i due venti monsonici che si alternano durante l'anno: il monsone di sud-est, che soffia da aprile a novembre ed il  monsone di nord-ovest, che soffia da dicembre a marzo.
In pratica: da marzo a maggio vi è la stagione delle grandi piogge;da ottobre a novembre vi è la stagione delle piccole piogge;da giugno ad ottobre vi è la stagione secca;da novembre a marzo vi è la stagione calda.
E' importante sapere che la parte occidentale dell'isola, dove si trova Stone Town, è di solito più umida e piovosa. La parte est invece è molto ventilata e secca.



Torna ai contenuti | Torna al menu